IC DON BORGHI

POF-PTOF-RAV-PAI

Print Friendly, PDF & Email

PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Il Piano dell’Offerta Formativa (POF), introdotto con l’art. 3 del DPR 275/99 ed espressione dell’autonomia didattica e organizzativa di ciascuna scuola, è realizzato faceno riferimento alle proprie risorse interne, umane e culturali.

Si tratta di un progetto educativo non somma di singole iniziative, ma risultato dell’attività del Collegio dei Docenti che, partendo dalla riflessione su valori educativi condivisi, elabora, in momenti successivi, le strategie e gli strumenti atti a conseguirli, cercando di rispondere a bisogni reali e attese legittime di famiglie e studenti, anche in rapporto e in collaborazione con il territorio.

Il P.O.F. si presenta, dunque, come uno strumento di orientamento e di comunicazione che accompagna lo studente e la famiglia per tutto il percorso scolastico nonché come punto di riferimento indispensabile per l’organizzazione didattica e organizzativa della scuola nel suo complesso.

Esso deve essere conosciuto da tutti e tutti devono concorrere alla sua realizzazione ed al suo continuo miglioramento; le attività annuali e la struttura organizzativa che devono sostenerne l’elaborazione hanno, infatti, bisogno di essere annualmente aggiornate, pur mantenendone le scelte educative di fondo. Pertanto deve essere continuamente monitorato, valutato, modificato ed integrato con modalità e strumenti che rispondano a criteri di chiarezza e coerenza, affinché esso contribuisca sempre meglio alla realizzazione del progetto educativo della scuola e risponda adeguatamente alle esigenze formative degli studenti nell’interesse loro e delle famiglie.

atto di indirizzo 2017-18
pof estratto 2017-18

PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA – 2016/2019

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF), che decorre dall’anno scolastico 2016-2017, è stato elaborato dal Collegio dei Docenti, ai sensi di quanto previsto dalla legge 13 luglio 2015, n. 107 recante la “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dalla Dirigente Scolastica. Il Piano ha ricevuto il parere favorevole del Collegio Docenti ed è stato approvato dal Consiglio d’Istituto.

Il PTOF rappresenta non solo un documento con cui la scuola dichiara all’esterno la propria identità, ma un programma completo e coerente di strutturazione del curricolo, di attività, di logistica organizzativa, di impostazione metodologico-didattica, di utilizzo, promozione e valorizzazione delle risorse umane e materiali con le quali l’Istituto intende perseguire gli obiettivi e le finalità dichiarate.

In quest’ottica la scuola si pone come missione quella di assicurare la migliore formazione possibile al maggior numero di studenti possibile”, impegnandosi a raggiungere, anche per il futuro, quegli standard qualitativi che l’hanno sempre contraddistinta.

Il processo di valutazione, definito dal SNV, inizia con l’autovalutazione. Lo strumento che accompagna e documenta questo processo è il Rapporto di autovalutazione (RAV).

Il rapporto è composto da più dimensioni ed è aperto alle integrazioni delle scuole per cogliere la specificità di ogni realtà senza riduzioni o semplificazioni eccessive. Il rapporto fornisce una rappresentazione della scuola attraverso un’analisi del suo funzionamento e costituisce inoltre la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare il piano di miglioramento.


RAV-Don-Borghi
PIANO DELL’INCLUSIONE

La normativa (Direttiva MIUR 27/12/2012, C.M. n° 8/13) prevede come strumento programmatorio la formulazione del Piano Annuale per l’Inclusione (PAI) che deve essere predisposto dal GLI (Gruppo di Lavoro per l’Inclusione) e deve essere approvato dal Collegio dei Docenti. 

Il PAI è uno strumento che può aiutare a contribuire ad accrescere la consapevolezza dell’intera comunità educante sulla centralità e la trasversalità dei processi inclusivi in relazione alla qualità dei “risultati” educativi, per creare un contesto educante dove realizzare concretamente la scuola “per tutti e per ciascuno”.  

Il  PAI del nostro istituto indica le scelte metodologiche finalizzate all’attuazione di percorsi capaci di favorire pari opportunità per tutti gli alunni e si propone di individuare strategie didattiche ed organizzative che, favorendo il percorso di apprendimento degli alunni che necessitano di specifiche esigenze educative, risulti capace di offrire loro un contesto più efficace.

Piano-Inclusione-Don-Borghi-1